Terreni stranieri per i battistrada

23 Settembre 2020 - Cosa facciamo, Gruppo Tratter

La collaborazione con Hektros inizia con una “richiesta di 0,2 mm”.  Come quasi sempre nella vita, le cose arrivano inaspettatamente e senza preavviso. Quindi è nelle mani di ogni persona avere la curiosità di accettare tali richieste – anche se molte cose non possono ancora essere assegnate.

Qualche anno fa ho ricevuto una richiesta da un vecchio amico. Insieme ad alcuni colleghi ha fondato una start-up chiamata Hektros, che sviluppa e commercializza prodotti innovativi per Life-science.

L’indagine riguarda la produzione di “coppette”, che devono essere prodotte per un’incubatrice assolutamente nuova chiamata Hi5. Il problema: il fondo deve essere trasparente e il più sottile possibile. E in realtà non è nemmeno plastica, ma vetro di 0,2 mm di spessore!

Era un’impresa, perché una cosa del genere non esisteva sul mercato fino a quel momento. E così abbiamo iniziato il progetto e dopo qualche attività di miglioramento l’abbiamo portato al successo. Ciò significa che abbiamo consegnato una produzione simil prototipali contenitori ermetici con un sottile inserto in vetro sul fondo.

Quando all’inizio il cliente ci ha chiesto il prezzo, ho risposto che non c’era nessun prezzo, perché il costo avrebbe superato di gran lunga il suo budget e che l´intero ammontare non avrebbe reso più ricca la nostra azienda. Per questo motivo ho deciso di sostenere personalmente i costi di sviluppo. Il progetto è stato tecnicamente una grande sfida per la nostra azienda, ma realizzando ciò che non era considerato possibile, ci siamo già sentiti realizzati e soddisfatti.

Dopo qualche tempo, quasi 2 anni dopo, è arrivata una proposta inaspettata da parte di Hektros: Tratter dovrebbe unirsi come partner strategico nello sviluppo di vari prodotti per il Life-Science.

Come potete vedere dal seguente link, abbiamo accettato questa proposta con piacere.

-Gerhard Tratter-